Un caffè al tritolo

Mi infilo i calzini mentre guardo in streaming il giuramento del nuovo governo. Facce nuove, facce vecchie, addirittura due straniere diventate italiane di cui una bionda, teutonica, famosa per i suoi allori olimpici; l’altra africana mai vista prima ma appare subito come un pretesto di cambiamento perchè il monarca va a piazzarsi vicino a lei per la foto di rito. Nel … Continua a leggere

La pazzia di re Giorgio

Un magnifico Nigel Hawthorn impersona Giorgio III re d’Inghilterra nel film “La pazzia di re Giorgio” che durante il suo lungo regno conosce la porfiria, che lo porterà ad uno squilibrio mentale. La malattia del re è oggetto di giochi di potere e di speculazioni della classe politica inglese che cerca in assenza del sovrano di accrescere il proprio potere … Continua a leggere

Sinistri 2.0

Il 26 febbraio scorso ho pubblicato un post dal titolo “Sinistri”, in cui elencavo alcune caratteristiche degli elettori di sinistra, pregi che spesso sono stati veri e propri talloni d’Achille per un elettorato militante, tanto che chiudevo il pezzo con la frase “la sinistra italiana è sinistra a se stessa”. Dopo circa cinquanta giorni siamo andati oltre. Un giorno siamo … Continua a leggere

Tifosi

Sarà meglio precisarlo subito. Il motivo per cui parte di questo post è in arancione, è una scelta per evidenziare un pensiero tratto da uno spettacolo di Alessandro Bergonzoni che sposo totalmente. Me ne sono ricordato poco fa mentre vedevo un video postato da un mio contatto su Facebook. Riprende l’arrivo di una certa squadra di calcio, che domenica scorsa … Continua a leggere

Disperazione

Succede che dopo averne sentito parlare, capita quel giorno che te la ritrovi accanto, così vicino da poterla vedere in faccia, contarne le rughe, sentirne l’olezzo. Negli ultimi tempi ti era capitato di leggerla nel mutismo del diesel del signore della scala E che da mesi non inaugura più il giorno con le sue uscite alle  4 del mattino per … Continua a leggere

Statistiche bugiarde

Leggere le statistiche vuol dire appiattirsi su dei numeri. Nel caso delle cifre di licenziati o cassaintegrati in alcuni casi vuol dire diffondere bugie. E’ di oggi la notizia che nel 2012 c’è stato un boom di licenziamenti con un +14% rispetto all’anno precedente. Sono chiare a tutti le conseguenze della crisi, meno però il cavalcare la crisi da parte … Continua a leggere